Convalida dei dati e digitalizzazione: come rivoluzionare la catena di approvvigionamento

Article by Achilles

La digitalizzazione apporta modifiche radicali alle filiere in tutto il mondo: le nuove tecnologie eliminano gradualmente prassi consolidate e introducono modalità di collaborazione e processi decisionali innovativi. Gli effetti di questa tendenza si ripercuotono sulla maggior parte dei settori, poiché le aziende ricorrono alla tecnologia per diventare ancora più competitive e aumentare l’efficienza.

A prescindere dal tuo obiettivo primario, la digitalizzazione ormai non è più facoltativa. Si allarga sempre di più, infatti, il divario tra le imprese che attuano in modo ponderato la digitalizzazione della catena di approvvigionamento e quelle che non fanno altrettanto. Dunque, quali misure posso adottare gli acquirenti per trarre il massimo dalla digitalizzazione?

A contare sono i dati
Di fatto, occorrono dati “puliti” per introdurre la digitalizzazione nelle catene di approvvigionamento. Negli ultimi anni, le aziende hanno provato ad acquisire quanti più dati possibili. In alcuni casi, però, ciò ha originato processi esageratamente complessi che, in realtà, finiscono per ostacolare le applicazioni concrete.

Senza un’idea chiara del funzionamento delle filiere, sarà difficile determinare l’impatto della digitalizzazione. Un’accurata convalida dei dati garantisce piena visibilità su tutti gli ambiti operativi dell’azienda e sul loro modo di organizzare il lavoro quotidiano.

Le catene di approvvigionamento manifatturiere e i big data
Negli ultimi anni, i produttori hanno fatto un uso capillare dell’Internet degli oggetti (IoT, Internet of things). Nel solo 2018, il settore ha investito 189 miliardi di dollari in soluzioni IoT volte allo sfruttamento dei dati per un miglioramento complessivo della catena di approvvigionamento manifatturiera. La digitalizzazione snellisce e migliora i processi, dalla gestione patrimoniale alla manutenzione delle attrezzature, dal controllo di qualità alla riduzione degli sprechi.

L’adozione di intelligenza artificiale e apprendimento automatico agevola i produttori e i loro fornitori nella convalida dei dati e nell’individuazione di applicazioni concrete. Nello specifico, la capacità di produzione aumenta e diminuiscono i costi, anche grazie a un utilizzo più efficiente dei materiali. La digitalizzazione della catena di approvvigionamento consente all’industria manifatturiera di passare a un modello orientato al servizio (Manufacturing as a Service, MaaS) che esalta flessibilità e personalizzazione.

Maggiore efficienza, costi inferiori
La catena di approvvigionamento dell’industria petrolchimica è un esempio di settore dove le sfide si affrontano con la tecnologia: nonostante la pressione derivante dai prezzi elevati e dalla concorrenza agguerrita, la digitalizzazione sta migliorando l’efficienza e la gestione dei costi.

Il monitoraggio e la tracciatura di attrezzature, quali container, valvole e pompe, consentono agli operatori di fare un utilizzo più oculato dei loro beni, ridurre gli oneri amministrativi, nonché controllare l’affidabilità e la qualità delle spedizioni. Addirittura, nei loro stabilimenti alcuni operatori hanno iniziato a utilizzare camion senza conducente, mentre i droni sono adottati sempre più spesso per i sopralluoghi.

Liberare il potenziale della digitalizzazione
A patto di gestirla e attuarla in modo consono, la digitalizzazione della catena di approvvigionamento valorizza notevolmente le supply chain in tutti i settori.

Javier Caravantes, membro del consiglio degli ambasciatori Achilles ed ex consulente acquisti per società petrolchimiche quali Naturgy e Cepsa, ha commentato: “Dalla prequalificazione dei fornitori a soluzioni come il crowdsourcing e il Source-2-Pay integrato, al giorno d’oggi la gestione della supply chain deve essere interamente digitale e connessa.

Le aziende che non stanno al passo rischiano di perdere terreno e spianare la strada non solo ai concorrenti diretti, ma anche alle start-up più piccole e snelle, che invece comprendono appieno il potere della digitalizzazione e minacciano la forza economica delle imprese gestite in modo tradizionale”.

Le nostre community consentono ad acquirenti e fornitori di accedere al tipo di dati puliti necessari a operare in modo efficace; inoltre sono un utile strumento per promuovere culture basate sull’innovazione digitale e condividere le migliori prassi.

Le catene di approvvigionamento stanno cambiando in tutti i settori e in tutto il mondo. A ciò si somma la digitalizzazione, che potrebbe rivoluzionare tutti gli ambiti operativi. Le aziende che si adattano a questi cambiamenti e li sfruttano attivamente per trasformare la loro attività godranno di un vantaggio competitivo.

 



Ricevi ogni mese preziosi approfondimenti direttamente nella tua casella di posta

Iscriviti