Cinque buone ragioni per una mappatura efficace della supply chain

Article by Achilles

La trasparenza della supply chain è da diversi anni un tema di grande attualità nel settore dei beni di largo consumo, soprattutto dopo il grave scandalo della carne equina del 2013.

Tuttavia, secondo una nuova ricerca di Achilles, condotta in collaborazione con l’istituto di ricerche di mercato IFF, oltre la metà (53%) degli acquirenti di questo settore non ha modo di sapere esattamente chi sono i propri fornitori.

Non è solo il settore dei beni di largo consumo a poter beneficiare della trasparenza a tutti i livelli della supply chain, e della conseguente determinazione di identità e posizione di ciascun fornitore. Anche l’industria automobilistica e il settore delle costruzioni ne trarrebbero notevoli vantaggi.

Perché dunque la mappatura della supply chain è così importante? E quali altri vantaggi comporta per le organizzazioni?

1. Una maggiore trasparenza della supply chain

Dalla recente ricerca di Achilles è inoltre emerso che un quinto (19%) degli acquirenti mondiali di beni di largo consumo non conosce i nomi e l’indirizzo dei propri fornitori e non ha idea di dove reperire queste informazioni.

Tutto questo, nonostante lo scandalo della carne equina abbia causato notevoli danni alla reputazione di numerose aziende e gravi conseguenze finanziarie, che hanno lasciato il segno ancora oggi. Solo negli ultimi mesi Findus ha completato un’operazione di rebranding per ripulire la propria immagine dopo lo scandalo.

Con lo strumento di mappatura della supply chain di Achilles, gli acquirenti sanno esattamente chi sono i loro fornitori e dove si trovano. Ciò significa che queste preoccupazioni appartengono ormai al passato e che la trasparenza è aumentata a vantaggio dell’intero settore.

2. Riduzione del rischio al minimo

Con la soluzione di mappatura della supply chain di Achilles, i responsabili degli approvvigionamenti possono ridurre significativamente il rischio di perdite finanziarie, di danni alla reputazione o di legittimazione stessa a operare dell’azienda.

La soluzione che proponiamo è il fulcro di una strategia complessiva di gestione della supply chain, perché l’aumento della trasparenza e la riduzione del rischio devono andare di pari passo per rendere il più possibile efficiente l’attività.

3. Visibilità delle proprie credenziali a livello di responsabilità sociale d’impresa

Investire in una soluzione che mira a migliorare la trasparenza della supply chain dimostra ad altre imprese e ai consumatori che l’azienda prende sul serio la responsabilità sociale d’impresa.

Circa il 12% degli acquirenti che hanno partecipato all’ultimo sondaggio di Achilles in collaborazione con IFF, non aveva informazioni sulla conformità dei propri fornitori alle leggi in materia di moderne forme di schiavitù e approvvigionamento responsabile. La poca informazione espone le aziende di questi acquirenti a rischi considerevoli.

4. Individuazione di potenziali pericoli

Con la mappatura della supply chain di Achilles, gli acquirenti possono anche scoprire esattamente dove si trovano i loro fornitori. Queste informazioni garantiscono l’adozione di decisioni più ponderate.

I fornitori con sede in regioni esposte a un rischio di inondazioni, terremoti o altre calamità naturali superiore alla media, per esempio, espongono una catena di fornitura a un maggiore rischio. Anche i fornitori con sede in aree in cui la schiavitù moderna è un problema frequente potrebbero causare problemi a lungo termine per l’acquirente.

Se l’acquirente ritiene che i suoi fornitori siano esposti a tali problemi, o che possano assumere illegalmente lavoratori, per completare un progetto e ridurre il profilo di rischio può assegnare l’incarico a un fornitore alternativo.

5. Una marcia in più rispetto alla concorrenza

La mappatura della catena di fornitura di Achilles può anche aiutare gli acquirenti a mantenere un vantaggio competitivo rispetto agli omologhi nel settore.

Gli acquirenti sanno di dover fare i conti con problemi legati ai fornitori e di avere bisogno di catene di approvvigionamento più trasparenti, ma non sempre è possibile trovare una soluzione a questi problemi.

Le società acquirenti devono assumere il controllo delle loro catene di fornitura per ottenere un vantaggio competitivo rispetto ai concorrenti, e ridurre al contempo i livelli di rischio.



Ricevi ogni mese preziosi approfondimenti direttamente nella tua casella di posta

Iscriviti