Il ruolo dei clienti nella supply chain

Article by Achilles

I clienti giocano un ruolo importante nella creazione delle supply chain.

Quando si pensa a come è configurata la propria supply chain e perché, diventa subito evidente che quasi tutte le strade conducono al cliente: gli acquirenti cercano i fornitori più convenienti dal punto di vista dei costi, per offrire ai clienti il prezzo migliore; cercano anche partner innovativi, per poter offrire i prodotti e i servizi migliori; e si impegnano a creare una supply chain solida e non soggetta a influenze esterne, che operi in maniera eticamente ineccepibile così da assicurare la qualità del servizio.

I clienti giocano un ruolo chiave nella supply chain: le loro esigenze, i loro valori, le loro opinioni influiscono sulle decisioni che gli acquirenti prendono sui fornitori.

Nel loro studio dal titolo “How the strongest supply chains protect what customers cherish most”, Constantine G. Vassiliadis e Glen Goldbach di PwC affermano che l’importanza del cliente fa sì che le aziende costruiscano la resilienza delle loro supply chain sulla base delle esigenze dei clienti.

Nessuna rete di fornitura è immune da influenze esterne. È quindi compito delle aziende proteggere le loro supply chain. Vassiliadis e Goldbach ritengono che per farlo con successo si debba partire dal proteggere ciò che è più prezioso agli occhi dei clienti. Ciò impone alle aziende di avere una comprensione chiara dei fattori che i consumatori più apprezzano nelle aziende stesse, e che le differenziano maggiormente dalla concorrenza.

“Quando si ha presente la proposta di valore principale che viene fatta ai clienti, si possono segmentare i rischi che impatterebbero negativamente sul contributo della supply chain alla costruzione della proposta di valore, e consolidare le capacità di resilienza per ridurre i principali rischi”, spiegano gli autori dello studio.

Per rafforzare la loro capacità di resilienza, le aziende devono identificare le minacce e trovare le strategie più efficaci per ridurre il rischio.

Tutte le strategie dovrebbero essere costruite attorno a sette misure, secondo Vassiliadis e Goldbach. Esse comprendono: governance del rischio, flessibilità e ridondanza nel prodotto, architettura di rete e di processo, allineamento dei partner nella supply chain, integrazione della supply chain a monte e a valle, allineamento tra funzioni interne dell’azienda, gestione/razionalizzazione delle complessità, e infine dati, modelli e analisi.

Il 60% delle aziende considera l’allineamento con i partner nella supply chain il singolo fattore più importante. Il secondo fattore più importante è l’allineamento e l’integrazione delle funzioni interne dell’azienda, per il 49% del campione intervistato.

Entrambe le priorità sono evidentemente in stretta correlazione con il soddisfacimento della principale preoccupazione dei clienti: avere prodotti e servizi di alta qualità.

Aderendo alle community Achilles, gli acquirenti pongono automaticamente il cliente al centro del proprio modello di business. Le nostre community e i nostri strumenti di gestione dei fornitori facilitano il reperimento, la validazione e il monitoraggio dei fornitori giusti per snellire il processo di aggiudicazione.

Implementando un sistema solido di gestione dei fornitori è possibile controllare il rischio e creare una supply chain più resistente agli urti, centrata sulla tutela degli interessi dei clienti.



Ricevi ogni mese preziosi approfondimenti direttamente nella tua casella di posta

Iscriviti