Mettiti in contatto
Una transizione equa verso gli obiettivi dell’IMO sui gas serra

Articoli, Articoli

Una transizione equa verso gli obiettivi dell’IMO sui gas serra

Alla fine della settimana marittima internazionale di Londra e sulla scia del MEPC80, Achilles ha parlato con il nostro nuovo ambasciatore, Peter Schellenberger di Novomaxis, del suo punto di vista sulla strategia 2023 dell’IMO per la riduzione delle emissioni di gas serra delle navi e del suo significato per il trasporto marittimo.

Nel luglio 2023, l’Organizzazione marittima internazionale (IMO) ha adottato una strategia per ridurre le emissioni di gas a effetto serra (GHG) nel settore del trasporto marittimo. Con la visione di “ridurre le emissioni di gas serra del trasporto marittimo internazionale e, come questione di urgenza, mira a eliminarle gradualmente il prima possibile, promuovendo al contempo, nel contesto di questa Strategia, una transizione giusta ed equa”.

La maggior parte dei lettori di questo blog che hanno avuto a che fare con il trasporto marittimo negli ultimi anni conosceranno bene gli obiettivi dell’IMO in materia di gas serra, che mirano a ridurre le emissioni di anidride carbonica per lavoro di trasporto del 40% entro il 2030 e a ridurre le emissioni assolute a zero entro il 2050 o il più vicino possibile. L’IMO ha inoltre fissato obiettivi intermedi per ridurre le emissioni assolute del 20%, puntando al 30% entro il 2030, e del 70%, puntando all’80% entro il 2040.

Allo stesso modo, pochi potrebbero contestare che questa mossa dell’IMO sia un importante passo avanti. Secondo Horizon, la rivista dell’UE dedicata alla ricerca e all’innovazione, il settore marittimo mondiale rappresenta il 3% delle emissioni globali, ma potrebbe essere responsabile del 10-13% in assenza di interventi. Pertanto, è indispensabile che gli organismi di regolamentazione, in tutti i settori, stabiliscano degli standard e guidino il cambiamento di cui abbiamo bisogno.

La strategia dell’IMO per raggiungere i suoi obiettivi in materia di gas serra comprende strategie a breve, medio e lungo termine, ad alto livello. Il comitato ha concordato piani a breve termine tra il 2018 e il 2023, che riguardano l’inquinamento atmosferico e gli obiettivi di efficienza energetica in conformità con le norme MARPOL Allegato VI. Il completamento di questi obiettivi è previsto entro il 1° gennaio 2026. Gli obiettivi a lungo termine sono stati sviluppati nell’ambito della revisione della strategia 2028, per affrontare gli obiettivi oltre il 2030. Allo stesso tempo, le strategie a medio termine sono in fase di sviluppo e saranno finalizzate sulla base di una serie di criteri. Le misure saranno composte da due elementi:

  1. un elemento tecnico; una norma sui combustibili per uso marittimo basata su obiettivi che regola la riduzione graduale dei combustibili per uso marittimo ad alta intensità di gas serra,
  2. e un elemento economico, basato su un meccanismo di tariffazione delle emissioni di gas serra in ambito marittimo.

Uno dei punti chiave della strategia evidenzia il più ampio delle Nazioni UniteL’obiettivo dell’IMO è quello di realizzare una transizione giusta ed equa, assicurando che l’industria si assuma la responsabilità di ridurre effettivamente le emissioni invece di trasferirle ad altre parti della catena di approvvigionamento e garantendo che nel processo non vengano trascurati importanti aspetti sociali.

Parlando con Achilles, dopo aver recentemente assunto il nuovo ruolo di ambasciatore di Achilles, Peter Schellenberger ha condiviso le sue riflessioni sull’importanza di adottare un approccio olistico per raggiungere gli obiettivi dell’IMO in materia di gas serra, affermando che “un’intelligente rendicontazione KYC e ESG può aiutare le aziende a migliorare il loro rating, attirando così gli investimenti. La chiave del successo futuro, tuttavia, è il genuino impegno per la sostenibilità a lungo termine”.

L’equilibrio tra il miglioramento del rating e la garanzia di un cambiamento significativo è difficile. C’è una grande differenza tra un’organizzazione che vuole spuntare la casella del rapporto ESG e farsi bella e una che decide di rendere gli obiettivi e i miglioramenti della sostenibilità parte del proprio DNA. È incoraggiante vedere che molte aziende si rendono conto dell’effettiva necessità di avere una politica ESG adeguata e che le certificazioni ISO sono pienamente integrate nelle politiche aziendali e trattate in modo trasparente.”

Parlando di come l’implementazione dell’ESG potrebbe funzionare nel settore navale, Peter ha detto: “Presumo che con la rendicontazione ESG/KYC stiamo attraversando un processo simile a quello avvenuto con l’ISA qualche decennio fa e ci vorrà ancora un po’ di tempo prima che i vari settori definiscano le loro esigenze e le standardizzino per una rendicontazione sicura. Probabilmente l’industria navale riuscirà a regolarsi da sola o dovrà intervenire una legislazione di un certo tipo. Il fatto è che oggi tutti i principali operatori del settore marittimo hanno esigenze diverse in termini di KYC e di rapporti ESG, il che costringe diverse migliaia di fornitori a sottoporsi all’agonia di fornire le informazioni richieste; tutto ciò sarebbe molto più semplice se si rendesse accessibile una piattaforma comune che corrisponda a standard concordati, integrando funzioni importanti come i controlli sulle sanzioni e la conformità agli UNSDG”.

Alla domanda sulla sua decisione di lavorare con Achilles, Peter ha detto: “Conosco e ho lavorato con Achilles per molti anni, so che la sua esperienza e la sua forte impronta nel settore offshore più regolamentato hanno la capacità di essere un facilitatore per queste questioni per l’industria marittima generale con le sue richieste di sostenibilità in continua crescita”.

Per sostenere l’obiettivo più ampio di una transizione giusta ed equa e al tempo stesso di raggiungere gli obiettivi di riduzione dei gas serra, in tutto il mondo stiamo assistendo a un numero crescente di direttive a livello nazionale e regionale volte a proteggere e migliorare i diritti umani nelle catene di approvvigionamento globali. Per saperne di più sulla transizione etica verso la rete zero e sulle ultime normative europee, tedesche, canadesi e norvegesi che possono avere un impatto su armatori e operatori navali, leggete altri blog e white paper di Achilles.

Nel complesso, gli obiettivi e la strategia dell’IMO in materia di gas serra rappresentano un importante passo avanti per la mitigazione delle emissioni di gas serra nel settore del trasporto marittimo internazionale. La posizione positiva dimostra la volontà di abbandonare i combustibili fossili ad alta intensità di gas serra per passare a una soluzione più sostenibile e a lungo termine, a beneficio di tutte le parti interessate.

L’iniziativa dell’IMO di allinearsi costantemente al Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) e alle ultime scoperte scientifiche è un elemento critico della strategia. Deve continuare a spingere per l’innovazione della tecnologia e per il cambiamento dei comportamenti e deve influenzare la politica, ove possibile. Si può sostenere che quest’ultima sia la più importante, poiché, in assenza di una politica, l’azione spesso viene meno.

← Articoli

Arrange to talk to an ESG expert