Mettiti in contatto
La Guida definitiva alla lotta contro il lavoro forzato e il lavoro minorile nelle catene di fornitura (Bill S-211)

Articoli, Guide

La Guida definitiva alla lotta contro il lavoro forzato e il lavoro minorile nelle catene di fornitura (Bill S-211)

In questa Guida definitiva di Achille alla legge S-211 diamo uno sguardo dettagliato alla legge canadese sulla lotta al lavoro forzato e al lavoro minorile nella catena di fornitura (precedentemente nota come legge S-211), a chi si applica, cosa significa per le organizzazioni (e i loro fornitori) che devono adeguarsi e forniamo consigli su come iniziare.

I paesi e i blocchi commerciali stanno introducendo rapidamente leggi per migliorare i diritti umani e contribuire ad affrontare i problemi ambientali del pianeta. Le organizzazioni di tutto il mondo stanno lentamente venendo avvolte da una metaforica rete di regolamentazione che richiede loro di valutare il potenziale dei diritti umani e dei rischi ambientali all’interno delle loro catene di fornitura e di riferire su ciò che stanno facendo in modo proattivo per affrontarli.

Scarica il Whitepaper del Canadian Fighting Against Forced Labour and Child Labour in Supply Chain Act.

In tutto il processo end-to-end, dal prodotto finito ai metalli, ai minerali e alle altre materie prime necessarie per produrlo, le aziende devono ora dimostrare una chiara comprensione dell’impatto che hanno sulle persone e sul pianeta.

In sempre più parti del mondo, il business etico e il business come forza per il bene non è solo un modo per differenziarsi o per soddisfare le aspettative di consumatori sempre più esigenti, ma è una questione di regolamentazione con sanzioni finanziarie per chi sbaglia.

Cos’è la legge sulla lotta al lavoro forzato e al lavoro minorile nelle catene di fornitura?

Il Fighting Against Forced Labour and Child Labour in Supply Chains Act è una legge che ha ricevuto l’assenso reale in Canada nel maggio 2023. Richiede alle aziende di assumersi la responsabilità di combattere la schiavitù moderna nelle loro catene di approvvigionamento e di riferire sulle loro azioni.

In base alla legge sulla lotta al lavoro forzato e al lavoro minorile nella catena di fornitura, le aziende sono tenute a riferire sulle azioni intraprese nel corso dell’anno finanziario precedente per prevenire e ridurre il rischio di lavoro forzato o di lavoro minorile all’interno della catena di fornitura. Sono comprese le istituzioni governative coinvolte nella produzione, nell’acquisto o nella distribuzione di beni in Canada o altrove e le entità coinvolte nella fabbricazione, produzione, coltivazione, estrazione o lavorazione di beni in Canada o altrove nell’importazione di beni fabbricati, prodotti, coltivati, estratti o lavorati al di fuori del Canada.

La legge si applica alle istituzioni governative e alle aziende di una vasta gamma di settori, tra cui l’energia, l’industria manifatturiera, l’edilizia, l’abbigliamento e il settore alimentare. La mancata osservanza della legge può comportare multe, azioni legali e procedimenti individuali nei confronti di amministratori o funzionari di un’azienda. di non poter partecipare a gare d’appalto pubbliche. La legge sulla lotta al lavoro forzato e al lavoro minorile nelle catene di fornitura si basa su due convenzioni sui diritti umani definite dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL) e fa parte di una tendenza crescente verso una maggiore responsabilità delle aziende nei confronti dei diritti umani nelle catene di fornitura globali. Anche molti altri paesi, tra cui Norvegia, Francia e Germania, hanno implementato leggi simili negli ultimi anni.

Perché è importante la legge sulla lotta al lavoro forzato e al lavoro minorile nella catena di fornitura?

La legge sulla lotta al lavoro forzato e al lavoro minorile nella catena di fornitura è importante per diversi motivi:

  • Protezione dei diritti umani: La legge è stata concepita per proteggere i diritti umani richiedendo alle aziende di riferire sulle azioni intraprese per identificare e affrontare i potenziali rischi nelle loro catene di fornitura associati al lavoro forzato e al lavoro minorile. Garantendo che le aziende siano ritenute responsabili delle violazioni dei diritti umani nelle loro catene di approvvigionamento, la legge contribuisce a proteggere i lavoratori e le comunità vulnerabili in tutto il mondo.
  • Norme internazionali: La legge è coerente con le norme internazionali in materia di imprese e diritti umani, compresi i Principi Guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani. Allineandosi a queste norme, la legge aiuta a promuovere una comprensione comune delle responsabilità delle aziende in relazione ai diritti umani e all’ambiente.

Nel complesso, la legge sulla lotta al lavoro forzato e al lavoro minorile nella catena di fornitura è importante perché contribuisce a promuovere pratiche commerciali responsabili, a proteggere i diritti umani e a creare un’economia globale più giusta ed equa.

Quali organizzazioni devono rispettare la legge sulla lotta al lavoro forzato e al lavoro minorile nella catena di fornitura?

La nuova legislazione sarà applicata alle istituzioni governative e alle entità canadesi a partire dal gennaio 2024 che soddisfano una o più delle seguenti soglie:

  • Le istituzioni governative che producono, acquistano o distribuiscono beni in Canada o altrove saranno interessate dalla legislazione quando entrerà in vigore all’inizio del 2024.
  • Qualsiasi entità (società, trust, società di persone o altre organizzazioni non costituite in società) che sia quotata in borsa in Canada, che abbia beni o una sede operativa in Canada o che svolga attività commerciali in Canada e che soddisfi almeno due delle seguenti condizioni in base all’ultimo esercizio finanziario dell’entità:
    • Ha un patrimonio di almeno 20 milioni di dollari,
    • Ha generato almeno 40 milioni di dollari di entrate,
    • E impiega in media almeno 250 dipendenti.

Cosa comprende l’atto?

Le aree di rischio coperte dalla legge si basano su due specifiche convenzioni fondamentali dell’OIL, la Convenzione sulle peggiori forme di lavoro minorile (1999) e la Convenzione sul lavoro forzato (1930).

  • Diritti umani: La legge richiede alle aziende di riferire sulle azioni intraprese per prevenire e affrontare le violazioni dei diritti umani nelle loro catene di fornitura, in particolare quelle associate al lavoro minorile o al lavoro forzato.

La legge è stata concepita per promuovere una condotta aziendale responsabile e per prevenire i danni alle persone nelle catene di fornitura globali. Riflette il crescente riconoscimento della necessità per le aziende di assumersi la responsabilità delle loro catene di approvvigionamento e di garantire che le loro pratiche commerciali siano etiche.

Quali sono i requisiti di rendicontazione del Fighting Against Forced Labour and Child Labour in Supply Chain Act?

La legge sulla lotta al lavoro forzato e al lavoro minorile nella catena di fornitura impone obblighi di rendicontazione a enti e istituzioni governative. La legge prevede che gli enti e le istituzioni governative presentino al governo federale un rapporto annuale che includa informazioni riguardanti:

  • La sua struttura, le sue attività e le sue catene di approvvigionamento.
  • Le sue politiche e i suoi processi di due diligence in relazione al lavoro forzato e al lavoro minorile.
  • Le parti della sua attività e delle sue catene di fornitura che comportano un rischio di ricorso al lavoro forzato o al lavoro minorile e le misure adottate per valutare e gestire il rischio.
  • Le misure adottate per porre rimedio al lavoro forzato o al lavoro minorile.
  • Le misure adottate per rimediare alla perdita di reddito delle famiglie vulnerabili derivante dalle misure adottate per eliminare l’uso del lavoro forzato o del lavoro minorile nelle sue attività e catene di approvvigionamento.
  • La formazione fornita ai dipendenti sul lavoro forzato e sul lavoro minorile.

Il monitoraggio dell’efficacia delle attività volte a garantire che il lavoro forzato e il lavoro minorile non vengano utilizzati nelle sue attività e catene di fornitura. I rapporti devono essere firmati e approvati dall’ente o dall’istituzione governativa prima della loro presentazione al Ministro entro il 31 dicembre 2011.st di maggio di ogni anno.

Oltre a presentare il rapporto annuale, le istituzioni e gli enti governativi devono renderlo disponibile al pubblico, anche pubblicandolo in un punto ben visibile del proprio sito web. Per le società federali ai sensi del Canada Business Corporations Act o di qualsiasi altra legge del Parlamento, il rapporto deve essere fornito anche agli azionisti, insieme al bilancio annuale.

Cosa succede se un’azienda non rispetta la Legge?

Gli enti o le istituzioni governative che rientrano nei requisiti della Legge avranno la responsabilità di garantire la presentazione di un’adeguata relazione annuale entro il31 maggio di ogni anno.

La mancata ottemperanza, o la presentazione di informazioni false o fuorvianti, può comportare sanzioni finanziarie o legali a seconda della natura della non conformità. Attualmente la legge prevede che le conseguenze possano includere:

  • Multe non superiori a 250.000 dollari.
  • Procedimento giudiziario nei confronti di direttori, funzionari ecc. dell’ente di governo
  • Procedimento giudiziario nei confronti di un dipendente, agente o obbligato dell’ente o dell’istituzione governativa

Al di là delle sanzioni legislative che possono essere comminate all’ente o all’istituzione governativa, ci sono anche altre implicazioni significative in caso di mancata conformità, tra cui il danno alla reputazione del marchio e l’impatto finanziario di una perdita di fiducia da parte dei consumatori o degli azionisti. Può essere necessario molto tempo per costruire un riconoscimento positivo del marchio, ma non ci vuole molto per danneggiarlo seriamente.

Quali sono i vantaggi della conformità?

Nel complesso, rispettare la legge sulla lotta al lavoro forzato e al lavoro minorile nella catena di fornitura può portare notevoli vantaggi alle organizzazioni, tra cui una migliore reputazione, una riduzione dei rischi, una maggiore efficienza, un vantaggio competitivo e una sostenibilità a lungo termine.

  • Miglioramento della reputazione: Rispettare la legge può contribuire a migliorare la reputazione di un’organizzazione come azienda responsabile ed etica. Prendendo provvedimenti per prevenire gli abusi dei diritti umani nelle loro catene di fornitura, le organizzazioni possono migliorare l’immagine del loro marchio e aumentare la fedeltà dei clienti.
  • Riduzione del rischio: la conformità alla legge può aiutare a ridurre il rischio di azioni legali, multe e danni alla reputazione. Identificando e affrontando i rischi potenziali nelle loro catene di fornitura, le organizzazioni possono ridurre al minimo la probabilità che si verifichino abusi dei diritti umani e mitigare gli eventuali impatti negativi.
  • Maggiore efficienza: La conformità alla legge può contribuire ad aumentare l’efficienza della gestione della supply chain. Implementando misure di due diligence e monitorando i fornitori, le organizzazioni possono identificare le aree di miglioramento e ottimizzare le operazioni della loro catena di fornitura.
  • Vantaggio competitivo: La conformità alla legge può fornire un vantaggio competitivo dimostrando un impegno verso pratiche aziendali responsabili. Questo può aiutare le organizzazioni ad attrarre e mantenere clienti, investitori e dipendenti che danno priorità alle pratiche commerciali etiche.
  • Sostenibilità a lungo termine: La conformità alla legge può contribuire alla sostenibilità a lungo termine delle attività di un’organizzazione. Prendendo provvedimenti per prevenire lo sfruttamento e garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori, le organizzazioni possono promuovere il benessere dei loro dipendenti e delle comunità in cui operano.

Cosa comporta l’adozione di un approccio alla due diligence della catena di fornitura basato sul rischio?

Un approccio basato sul rischio è un principio fondamentale della due diligence sui diritti umani. Per le organizzazioni è quasi impossibile esaminare l’intera catena di fornitura per individuare i problemi. Un approccio basato sul rischio consente alle aziende di identificare i settori, le aree geografiche o i fornitori specifici che presentano i rischi maggiori. Questa conoscenza offre alle aziende l’opportunità di lavorare a stretto contatto con i fornitori per migliorare i processi relativi ai diritti umani e all’ambiente. Il pensiero basato sul rischio è stato utilizzato in molte discipline ed è specificamente citato nella Guida dell’OCSE per una condotta aziendale responsabile,

Le fasi principali di un approccio alla gestione della catena logistica basato sul rischio sono:

  • Identificare e dare priorità ai rischi: Il primo passo consiste nell’identificare i potenziali rischi nella catena di approvvigionamento, come il lavoro forzato, il lavoro minorile, l’inquinamento ambientale o le violazioni del benessere degli animali. Le aziende devono dare priorità ai rischi in base alla loro gravità e alla probabilità che si verifichino.
  • Condurre la Due Diligence: Una volta identificati i rischi, le aziende devono condurre livelli adeguati di due diligence sui loro fornitori per valutare la loro conformità alle leggi e agli standard pertinenti. Ciò può includere la conduzione di audit, visite in loco o il coinvolgimento delle parti interessate.
  • Mitigare i rischi: Le aziende devono adottare misure per ridurre i rischi identificati nelle loro catene di fornitura. Ciò può comportare la comunicazione e la collaborazione con i fornitori per risolvere i problemi di non conformità, l’interruzione dei rapporti con i fornitori non conformi o l’offerta di formazione e sviluppo delle capacità.
  • Monitoraggio e revisione: Le aziende devono monitorare costantemente le loro catene di fornitura per individuare potenziali rischi e rivedere i loro processi di gestione del rischio per garantirne l’efficacia. Ciò può comportare regolari audit dei fornitori o l’esecuzione di valutazioni del rischio in risposta a circostanze mutevoli.
  • Rendicontazione: Le aziende devono riferire in merito ai loro processi di due diligence e ai risultati ottenuti, compresa l’identificazione e la riduzione dei rischi. La legge richiede alle aziende di fornire rapporti pubblici sulla loro conformità alla legge.

In generale, adottando un approccio basato sul rischio, le aziende possono identificare e affrontare i rischi potenziali nelle loro catene di approvvigionamento, promuovere una condotta aziendale responsabile e garantire la conformità con la legislazione canadese e internazionale sui diritti umani. Questo approccio aiuta le aziende a ridurre al minimo i potenziali danni alle persone che fanno parte delle loro catene di approvvigionamento e a promuovere pratiche commerciali sostenibili.

Come iniziare il percorso di conformità alla legge sulla lotta al lavoro forzato e al lavoro minorile nella catena di fornitura?

Iniziare a rispettare la legge sulla lotta al lavoro forzato e al lavoro minorile nella catena di fornitura può essere un processo complesso, ma ci sono diversi passi che le aziende possono compiere per iniziare il loro percorso di conformità:

  • Sviluppare una politica di due diligence: Le aziende devono sviluppare una politica di due diligence che illustri i processi e le misure che adotteranno per mitigare i rischi nelle loro catene di fornitura. Questa politica deve essere allineata con i requisiti di legge e deve essere comunicata a tutti gli stakeholder interessati.
  • Valuta la tua catena di fornitura: Il primo passo è valutare la tua catena di fornitura per identificare i potenziali rischi legati al lavoro forzato e al lavoro minorile. Questo include l’identificazione di fornitori e subappaltatori e la valutazione della loro adesione agli standard e alle normative internazionali.
  • Attuare misure di due diligence: Le aziende devono attuare misure di due diligence per identificare e ridurre i rischi nelle loro catene di fornitura. Ciò include la conduzione di valutazioni e audit del rischio, l’impegno con i fornitori per garantire la conformità e l’attuazione di misure di riduzione del rischio, ove necessario.
  • Monitorare e valutare le prestazioni: Le aziende devono monitorare e valutare le prestazioni delle loro misure di due diligence per garantire che siano efficaci nel mitigare i rischi nelle loro catene di fornitura. Questo include il monitoraggio delle prestazioni dei fornitori e la conduzione di valutazioni periodiche dei rischi.
  • Pubblicare rapporti annuali: Le aziende devono pubblicare rapporti annuali sulla loro conformità agli obblighi di due diligence previsti dalla legge. Questi rapporti devono includere una descrizione dei processi di due diligence, dei rischi identificati, delle misure di riduzione del rischio, dell’impegno dei fornitori, delle misure correttive, delle misure di verifica, dei meccanismi di reclamo, della trasparenza e dell’approccio gestionale.
  • Impegnarsi con le parti interessate: Le aziende devono coinvolgere gli stakeholder, tra cui clienti, investitori, organizzazioni della società civile e comunità interessate, per comprendere le loro preoccupazioni e le loro aspettative in merito alla due diligence della catena di fornitura.
  • Cercare un supporto esterno: Le aziende possono richiedere il supporto esterno di consulenti, revisori e altri esperti per aiutarle a rispettare i requisiti della legge.

In sintesi, per essere veramente efficace la legge sulla lotta al lavoro forzato e al lavoro minorile nella catena di fornitura richiede un approccio ampio. Un approccio che dovrebbe includere lo sviluppo di processi di due diligence, la valutazione della catena di approvvigionamento, l’implementazione di misure di due diligence, il monitoraggio e la valutazione delle prestazioni, la pubblicazione di rapporti annuali, il coinvolgimento degli stakeholder e la ricerca di un supporto esterno, se necessario.

Le sfide per ottenere la conformità con la legge sulla lotta al lavoro forzato e al lavoro minorile nella catena di fornitura

Le organizzazioni che lavorano per ottenere la conformità con la legge sulla lotta al lavoro forzato e al lavoro minorile nella catena di fornitura devono affrontare diverse sfide. Questi includono:

  • Complessità della catena di fornitura: Molte aziende hanno catene di fornitura complesse ed estese, con numerosi livelli di fornitori. L’identificazione e la valutazione dei rischi lungo l’intera catena di fornitura può essere impegnativa e richiedere molte risorse. La complessità può essere aggravata anche dalla natura globale delle catene di approvvigionamento, alcune delle quali operano in paesi difficili da raggiungere o da raggiungere.
  • Raccolta dei dati: I dati richiesti per la conformità vanno oltre i normali confini operativi. Fonti di dati di dubbia provenienza, accuratezza e interpretazione diventano spesso fonti primarie di informazioni che minano la base del report. I dati possono anche essere in formati multipli e spesso mancano sistemi per registrare i dati in modo metodico che possano essere utilizzati per dimostrare un approccio basato sul rischio.
  • Veridicità dei dati: I dati generati dal web o dall’intelligenza artificiale e provenienti da fonti di provenienza sconosciuta non hanno il controllo necessario per comprendere appieno i rischi. Raramente le organizzazioni dispongono delle risorse necessarie per intraprendere un controllo credibile dei dati o una verifica indipendente, necessari per redigere un rapporto attendibile.
  • Mancanza di trasparenza: Molti fornitori potrebbero non essere disposti o non essere in grado di fornire piena trasparenza sulle loro operazioni, rendendo difficile l’identificazione e la gestione dei rischi.
  • Capacità limitata: Molti acquirenti potrebbero non avere le risorse per intraprendere una gestione della catena di fornitura così intensiva e prolungata, che comprenda la raccolta di dati da numerose fonti disparate o livelli sufficientemente credibili di controllo e verifica dei dati dei loro fornitori. Allo stesso modo, i fornitori potrebbero non avere la capacità o le risorse per implementare i miglioramenti necessari per conformarsi alla legge.
  • Costo della conformità: Adeguarsi alla legge può essere costoso, soprattutto per le piccole e medie imprese. Il costo della due diligence, del monitoraggio dei fornitori e dell’implementazione di misure di mitigazione del rischio può essere significativo.
  • Sapere cosa è sufficiente: Capire cosa è necessario per soddisfare le autorità di regolamentazione e garantire la conformità. Per saperne di più, leggete il nostro utile blog: Quando è abbastanza, abbastanza?
  • Responsabilità legale: La mancata osservanza della legge può comportare responsabilità legali, tra cui multe e azioni legali. Questo può creare ulteriori rischi per le aziende, soprattutto se non sono in grado di identificare e affrontare i potenziali rischi nelle loro catene di fornitura.
  • Coordinamento con i fornitori: La collaborazione con i fornitori è essenziale per implementare i processi di due diligence in modo efficace e il più trasparente possibile. Tuttavia, il coinvolgimento dei fornitori può essere impegnativo, soprattutto se si trovano in Paesi diversi con quadri culturali e giuridici differenti.
  • Vincoli di tempo: Le aziende possono avere difficoltà a implementare processi di due diligence efficaci nei tempi richiesti. La legge richiede alle aziende di implementare i processi di due diligence entro un periodo di tempo specifico e la mancata conformità può comportare responsabilità legali.

Conclusione

La legge sulla lotta al lavoro forzato e al lavoro minorile nella catena di approvvigionamento rappresenta uno sviluppo significativo nell’approccio canadese alla regolamentazione della catena di approvvigionamento. Questa legge richiede alle aziende di riferire sulle azioni intraprese lungo le loro catene di fornitura per prevenire le violazioni dei diritti umani. Si applica sia alle istituzioni che agli enti governativi, compresi quelli con sede fuori dal Canada, e può comportare multe in caso di mancata conformità.

L’approvazione di questa legge segna un passo importante verso un’economia globale più responsabile. Poiché altri Paesi stanno valutando leggi simili, è probabile che la trasparenza e la responsabilità della catena di approvvigionamento diventino sempre più importanti nel mercato globale. Intraprendere ora un percorso di miglioramento della due diligence della catena di fornitura ridurrà probabilmente le interruzioni future quando altre nazioni o industrie adotteranno livelli più elevati di due diligence sulla catena di fornitura.

La legge sulla lotta al lavoro forzato e al lavoro minorile nella catena di approvvigionamento è uno sviluppo positivo che ha il potenziale di creare un ecosistema della catena di approvvigionamento più etico. Dando priorità al benessere dei lavoratori, delle comunità e dell’ambiente, le aziende possono costruire un’economia globale più forte e resistente per il futuro.

← Articoli

Arrange to talk to an ESG expert