Dazi sull’acciaio: la nostra guida per evitare la crisi all’orizzonte nella supply chain

Article by Achilles

Le notizie provenienti da oltreoceano sull’imposizione di dazi del 25% sulle importazioni di acciaio e del 10% su quelle di alluminio negli Stati Uniti (con esenzioni solo per pochissimi Paesi) hanno reso ancora più rovente il clima estivo.

I dazi stanno già avendo forti ripercussioni sulle supply chain, tanto che il Fondo Monetario Internazionale (FMI) stima un rallentamento della crescita globale dal 3,9% all’1,9% nel 2019.

Anche se è impossibile prevedere l’esatto impatto futuro di queste misure, il White Paper di Achilles rappresenta un’utile analisi di partenza, che dimostra l’importanza di agire subito per neutralizzare i rischi nella supply chain e impedire una grave riduzione dei margini. I rischi, va tenuto presente, non riguardano solo la supply chain dell’acciaio primario: anche i prezzi di merci realizzate in metallo o di servizi che dipendono da prodotti in metallo aumenteranno. E le catene di approvvigionamento potrebbero subire ripercussioni.

Scarica la tua copia

Il nostro White Paper offre una guida utile per prepararsi a ogni scenario e alle mosse da adottare in prospettiva futura. Compila il modulo sottostante per scaricare la tua copia.

 

Nome

Cognome

E-mail

Azienda

Settore

Sei un cliente Achilles?



Ricevi ogni mese preziosi approfondimenti direttamente nella tua casella di posta

Iscriviti