Come si è evoluto l’approvvigionamento nel corso degli anni

Article by Achilles

Nel dizionario Treccani con il termine “responsabile” si intende chi risponde delle proprie azioni e dei propri comportamenti, o chi risponde personalmente dell’esecuzione dei compiti e delle mansioni affidatigli, o dell’andamento del settore di attività cui è preposto. Per gli acquirenti, tuttavia, il termine ha un significato ancora più preciso: completare il processo di approvvigionamento con coscienza delle implicazioni che può avere a livello di ambiente, salute e sicurezza, diritti umani, costi ed efficienza.

I professionisti dell’approvvigionamento che sanno destreggiarsi in tutti questi ambiti sono considerati “acquirenti responsabili” e le loro competenze sono sempre più richieste sul mercato. Di fatto, la maggior parte delle aziende ha già introdotto una direttiva sull’approvvigionamento responsabile.

Che caratteristiche devono avere gli “acquirenti responsabili”?

Sono consapevoli delle problematiche ambientali

La consapevolezza ambientale e la  sostenibilità  sono ora parte integrante del processo di approvvigionamento. E le aziende di tutto il mondo stanno mettendo questi principi al centro del loro operato.

Skanska  è solo una delle società che hanno adottato una direttiva sulla politica per l’approvvigionamento sostenibile.  “L’approvvigionamento sostenibile è l’approvvigionamento economicamente conveniente di prodotti e servizi che tiene conto anche di questioni ambientali, sociali ed etiche durante tutto il ciclo di vita del prodotto o del servizio,”  sostiene l’azienda.  “Skanska considera questa una pratica commerciale essenziale ed efficiente, che è parte integrante del nostro modo di lavorare. Ci aiuta a prendere decisioni informate ed equilibrate quando acquistiamo prodotti e servizi necessari per i nostri progetti.”

“Skanska lavora solo con fornitori e subfornitori responsabili, che comprendono la natura dei prodotti, dei materiali e dei servizi forniti e si assumono la responsabilità di proteggere l’ambiente e mantenere buoni rapporti con i propri dipendenti e le comunità locali.”

Come parte del proprio impegno per l’approvvigionamento responsabile, anche Balfour Beatty pone l’accento sull’ambiente. Quando  all’azienda è stato chiesto da un cliente di ridurre i costi  di un programma del 18%, ha sviluppato una supply chain più sostenibile e ha costruito off-site. Ciò ha permesso di generare zero rifiuti, ridurre i tempi di costruzione del 95%, fornire una soluzione collaudata internamente e ridurre l’impatto sull’ambiente e sulla comunità locale.

Gli acquirenti ecologicamente responsabili devono concentrarsi sull’implementazione di sistemi che aumentino la consapevolezza ambientale in tutta la supply chain. Altrettanto importanti sono la lotta contro i cambiamenti climatici, l’uso responsabile delle risorse, per esempio attraverso il riciclaggio e il sostegno della biodiversità. Anche la collaborazione con fornitori certificati ISO 14001 o uno standard equivalente, come il  CEMARS  di Achilles, è molto importante. Entrambi dimostrano la conformità con l’Energy Savings Opportunity Scheme (ESOS) del Regno Unito, che richiede alle “grandi società” e ai gruppi di aziende di inviare relazioni sull’uso dell’energia e sull’efficienza energetica.

Promuovono la salute e la sicurezza

Le attività di approvvigionamento non devono mai mettere a repentaglio la salute e la sicurezza delle persone che lavorano nella supply chain.

Ciò significa che tutti i soggetti coinvolti nella supply chain devono lavorare in un ambiente sicuro e libero da sfruttamento.

Skanska garantisce tutto questo attraverso una strategia zero-incidenti, che richiede un efficace sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro per identificare e attenuare i rischi.

Achilles attraverso gli  audit  può verificare aree chiave del rischio inerente al fornitore, salute e sicurezza incluse, contribuendo ad agire in modo responsabile convalidando le capacità, le competenze e la compliance dei fornitori in linea con i criteri validi nel settore.

Proteggono i diritti umani

“La triste verità è che oggi, in tempi di decantata modernità, siamo ancora costretti a parlare di schiavitù di altri essere umani”, ha scritto il  Chartered Institute of Purchasing and Supply (CIPS) in un blog.

La Walk Free Foundation stima che circa 29,8 milioni di persone ai giorni nostri vivano soggette a moderne forme di schiavitù; tale cifra comprende circa 5.000 persone in schiavitù nel Regno Unito, in particolare nei settori del tessile o dell’agricoltura.

Gli acquirenti responsabili ottengono la piena trasparenza della catena di fornitura tramite la  mappatura della supply chain . E grazie a rigorose politiche di responsabilità sociale d’impresa assicurano che la collaborazione avvenga solo con aziende in grado di dimostrare l’assenza di qualsiasi forma di schiavitù.

Prestano attenzione ai costi

Ovviamente, un acquirente responsabile ed efficiente si cura di assicurare che il denaro dell’azienda sia investito in modo ottimale. L’approvvigionamento deve generare valore aggiunto e i fondi devono essere gestiti in modo appropriato. Ma i costi devono anche essere bilanciati tenendo in considerazione altri fattori, ovvero tutti gli aspetti citati in precedenza.

Aumentano l’efficienza

I reparti responsabili dell’approvvigionamento sono uno dei fattori chiave dell’efficienza. Garantiscono che le supply chain funzionino senza intoppi e siano progettate per un servizio sostenibile e solido.

Gli acquirenti che gestiscono tutto questo senza compromettere altri fattori, dimostrano come l’approvvigionamento responsabile possa effettivamente migliorare l’attività.



Ricevi ogni mese preziosi approfondimenti direttamente nella tua casella di posta

Iscriviti