Gestione del rischio e PMI

Article by Achilles

Le PMI riconoscono sempre più spesso l’importanza di un’efficace gestione del rischio, ma l’ambito continua a essere una sfida per molte imprese.

La consapevolezza dei rischi sta crescendo nelle piccole e medie imprese (PMI). Nel 2013, il gruppo assicurativo Zurich ha stabilito che il 53% di queste aziende dedica più tempo alla strategia aziendale e alla gestione del rischio rispetto a prima della crisi finanziaria. Il 35% sta facendo più pianificazione finanziaria a lungo termine, mentre il 33% sta dando uno sguardo più regolare ai propri piani di continuità operativa.

Questo è un buon segno per la resilienza della supply chain e quindi per la crescita. In una ricerca sulle prospettive e i problemi della catena di approvvigionamento dell’Organizzazione mondiale del commercio, si legge: “Le PMI svolgono un ruolo sempre più importante come attori nelle catene di approvvigionamento globali.”

“Le organizzazioni internazionali le vedono come importanti motori di sviluppo e sostengono il loro ingresso sui mercati internazionali attraverso catene di fornitura globali”, continua lo studio. “Sono già integrate, come fornitori di beni e manodopera a basso salario nei paesi in via di sviluppo e come innovatori e specialisti di tecnologia nei paesi industrializzati.”

Man mano che le PMI diventano più attive nelle catene di approvvigionamento, diventa più importante anche la loro capacità di gestire i rischi. Tuttavia, date le risorse spesso limitate a disposizione, il controllo dei rischi è più facile a dirsi che a farsi.

Le PMI hanno spesso paura di contrarre debiti, il che limita gli investimenti nelle strategie di prevenzione dei rischi. Il barometro delle PMI del governo britannico del febbraio 2014 ha registrato che su tutte le aziende che non avevano richiesto finanziamenti nei precedenti sei mesi, il 24% non lo aveva fatto per l’esplicita volontà di non assumersi rischi supplementari. Le microimprese hanno citato questo motivo con maggiore frequenza (26%), seguite dalle piccole imprese (18%) e dalle medie imprese (15%).

Tuttavia, gli investimenti nella gestione del rischio sono importanti, sia per aumentare la trasparenza oltre i fornitori di primo livello, sia per garantire la conformità alle leggi e impiegare le tecnologie per ridurre al minimo il rischio.

Lo Zurich Index ha rivelato che le questioni che più preoccupano attualmente le PMI sono gli eventi meteo catastrofici, le vulnerabilità tecnologiche e le problematiche legate alla manodopera. Il 39% delle PMI è preoccupato dei problemi connessi alla tecnologia, tra cui spicca l’indisponibilità della rete, citata dal 36% del campione intervistato.

Il 36% è preoccupato per l’invecchiamento della forza lavoro, che potrebbe causare problemi di capacità nella catena di approvvigionamento.

Allo stesso tempo, anche gli eventi meteo catastrofici sono in cima alle preoccupazioni delle PMI. Richard Coleman, direttore della divisione PMI per Zurich Assicurazioni, ha dichiarato: “Solo il 3% delle PMI cita le inondazioni e le relative misure preventive come uno dei tre principali rischi per l’operatività di un’azienda. Ma negli ultimi mesi le inondazioni hanno causato problemi a molte aziende, pertanto è probabile che numerosi titolari di PMI ridisegneranno la scala delle priorità, inserendovi anche il miglioramento della gestione dei rischi da eventi meteo catastrofici.”

Dati recenti suggeriscono la necessità di ulteriori investimenti in materia di salute e sicurezza. Da uno studio della compagnia assicurativa AXA del Regno Unito è emerso che negli ultimi cinque anni il 24% delle PMI ha ricevuto da dipendenti o ex dipendenti richieste risarcitorie per responsabilità civile del datore di lavoro.

Per gestire il rischio, le PMI hanno bisogno di soluzioni economicamente vantaggiose e con ampio spettro di servizi. Achilles offre soluzioni per la gestione del rischio inerente ai fornitori e alla supply chain. Le aziende beneficiano del consolidamento dei dati dei fornitori su una singola piattaforma, nonché della gestione sistematica del rischio e della conformità.

I nostri team di assistenza clienti, i nostri auditor qualificati e i nostri affidabili feed di dati di terze parti supportano il nostro programma di raccolta e convalida dei dati dei fornitori completamente gestito. Forniamo inoltre agli acquirenti strumenti per visualizzare le prestazioni e i rischi, organizzare per priorità i fornitori e gestire le attività di procurement sull’intera base di approvvigionamento.

Con dati accurati e coerenti dei fornitori per tutti i sistemi e informazioni sulla gestione dei rischi per tutte le parti coinvolte, puoi controllare i potenziali rischi nella supply chain a prescindere dalle dimensioni della tua azienda.



Ricevi ogni mese preziosi approfondimenti direttamente nella tua casella di posta

Iscriviti